Dove vai in vacanza? 1978 con Sordi, Villaggio, Tognazzi

23



Tre episodi legati fra loro dal tema comune delle vacanze. Le ferie di Tognazzi (sketch di Bolognini) partono male: la giovane amante lo pianta, però c’è l’ex …

[vid_tags]

Vedi Altri Articoli Su Altra Film
: https://mubarak2005.com/film

Nguồn:https://mubarak2005.com/

23 Comments

  1. UGO TOGNAZZI E' STATO SEMPRE UN UOMO CHE HA AMATO LE DONNE COME TESTIMONIA LA SUA VITA PRIVATA SENTIMENTALE MOVIMENTATA NEL EPISODIO DI QUESTO EPISODIO DEL FILM DA LUI INTERPRETATO IL MASCHILISMO SI INFRANGE NEL POTERE FEMMINISTA DI CONCEDERE L'EROS QUANDO UNA DONNA NE' HA VOGLIA RESPINGENDO AL OCCORRENZA ANCHE L'ASSALTO VIRILE MASCHILE ED ALLORA NELLA MENTE DEL UOMO IL CORPO DI UNA DONNA ASSUME LE SEMBIANZA DI PORTATE GASTRONOMICHE TRASFORMANDO L'APPETITO EROTICO IN APPETITO CULINARIO D'ALTRONDE E' LO STESSO MECCANISMO CHE SCATENA LA LIBIDO NEL UOMO AL ATTO DELLO SVEZZAMENTO DEL NEONATO CHE PER NUTRIRSI E' COSTRETTO A POGGIARE LE LABBRA AI CAPEZZOLI DELLA MAMMELLA APPAGANDO IL GUSTO ED IL BISOGNO DI CIBO CON LA POPPATA.

    Reply
  2. Per favore guarda i film che ti piacciono ora qui: https://film-movie1230000000.blogspot.com/ Spero che sia più divertente con la migliore selezione e qualità dei migliori tipi di film.

    Reply
  3. Il primo episodio segue l'onda lunga del '68, portando con sé il peggio della nuova epoca: volgarità e nudo gratuito, cui si è bene adattato, a quanto pare, un Tognazzi piuttosto imbolsito. Il film si salva grazie all'episodio di Albertone, vero e più completo interprete dell'italiano del Novecento.

    Reply
  4. La guida alle tombe etrusche e il cameriere del ristorante di Tarquinia parlano inspiegabilmente con accento marchigiano invece di quello autoctono. Nun ze ponno sentì

    Reply
  5. Stupendi Sordi con la moglie (nel film) Anna Longhui: Le Vacanze intelligenti
    Che attori! Il magnifico e unico film italiano.
    Il cinema italiano era il migliore tra attori uomini e donne e registi straordinari. Nessuno se la tirava…
    Con il cinema italiano dopo la guerra e prima, con i pochi soldi che c'erano hanno fatto dei capolavori.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *